martedì 31 ottobre 2017

SPECIALE HALLOWEEN: gli imprescindibili dell'horror

Buon Halloween a tutti!
Avete già preparato la vostra rapa zucca? Dannati americani.che non hanno le rape.
Avete già programmato cosa fare in questa notte di "terrore"? Io e Alex abbiamo optato per una gradevole (ma per lei non troppo) maratona di Stranger Things.
Se non sarete troppo impegnati a fare "dolcetto o scherzetto" con il vostro fratellino/sorellina, se non andrete a feste alcoliche in maschera o avete altro in programma, ecco a voi una lista di film horror famosissimi (che non vi potete assolutamente perdere) con cui potrete animare la vostra serata.


N.B. In questa lista non troverete film particolari o ricercati, bensì vi proporrò dei classici imprescindibili del genere.

domenica 29 ottobre 2017

ALEX INTERVISTA... Emma Altieri


Buongiorno a tutti!

Oggi iniziamo la giornata con l'intervista a una nuova e freschissima scrittrice... Emma Altieri!
Autrice di Adrenalin e Scars (a quattro mani), entrambi di recente pubblicazione, sta scalando le classifiche di Amazon: conosciamola meglio!





 EMMA ALTIERI


 1.      Ciao Emma! Direi di iniziare cercando di conoscerti un po’ meglio… Ci racconti tre curiosità su di te?
Vediamo tre curiosità. La prima è che mi definisco uno spirito libero in cerca di una meta definitiva perché, fin dall’infanzia, ho sempre viaggiato moltissimo e anche ora, quando posso, prendo la mia valigia e parto.  La seconda curiosità credo possa essere che sono sempre stata una persona timidissima, fin da piccola, ma quando metto tutto nero su bianco mi trasformo in un vulcano. Sulla carta metto tutta la me stessa che nella realtà non esce in superficie. La terza…oh mamma già trovarne due è stata critica e non credo siano curiosità interessantissime. Magari potrebbe essere il fatto che non amo particolarmente gli stereotipi del momento e quando scrivo cerco sempre di andare contro corrente. 

2.       Quando hai cominciato a scrivere? Come hai portato avanti la tua passione? Ho iniziato piccolissima. Ricordo il mio primo racconto, ero credo in terza elementare. Dovrei averlo ancora conservato da qualche parte. Nell’adolescenza invece era più che altro lacrimosissime poesie dedicate ai miei amori non ricambiati. Poi, arrivando all’età adulta ho iniziato a leggere FanFiction ed un giorno ho deciso di mettermi ala prova e provarci. C’è stato un periodo più burrascoso in cui ho rinchiuso tutto in un cassetto, poi ho deciso di riprendere tutto in mano e farne un libro, ed eccomi qui.


    3. Parliamo di Adrenalin: com’è nata l’idea per la trama del romanzo? Da dove trai ispirazione per le tue storie? L’ispirazione delle mie storie nasce perlopiù dal mio quotidiano. Un persona, una vicenda vissuta, una cosa letta o magari qualcosa che manca. Adrenalin è nata proprio così. Un giorno parlavo con una amica e l’affermazione è stata “Perché non esistono storie sulle corse in motoGP?”. Io ho una passione per le motociclette trasmessa da mio padre, che ho coltivato negli anni. Ho messo nella storia tutta me stessa, il mio amore per i motori e per l’universo che li circonda. 


sabato 28 ottobre 2017

642 IDEE PER SCRIVERE #2

L'argomento di oggi calza a pennello.





Cosa ti fa piangere? Cosa significano per te le lacrime?

Per il significato di lacrima, io partirei dal dizionario: "spec. al plurale, quelle che sgorgano più abbondanti per viva commozione, per dolore fisico o morale, o anche nel moto convulso del ridere".
Cosa ricaviamo da questa definizione? Che piangiamo per tutto. E che le lacrime non hanno mai lo stesso significato. Qualche esempio? Mia mamma piange davanti alle cose  belle: se sente una canzone "profonda", se vede scene felici, se qualcuno le fa una sorpresa molto gradita...A lei scendono due piccole lacrimucce. Mia sorella piange quando è nervosa, quando qualcuno o qualcosa la fa incazzare molto, quando è stanca: ogni volta che ha bisogno di sfogare la frustrazione, lei piange. Però lei non piange mai per il dolore: l'ho vista stortarsi caviglie e ginocchia, sbucciarsi e bruciarsi porzioni sostanziose di pelle, mordersi le mani fino a farle sanguinare... Eppure non ha mai versato una lacrima per questo. Mio padre non piange mai. Il mio ragazzo piange solo quando capitano cose molto molto brutte. Una mia compagna di classe piange quando ride: se qualcosa la diverte particolarmente, diventa rossa come un peperone e scoppia a piangere come una matta. E intanto ride.

Tante situazioni, tante lacrime. E quindi cosa significano le lacrime? Sono semplicemente l'espressione di un'emozione? Di un'emozione qualunque? Sono uguali? O sono diverse?

Io mi sento strana su questo argomento. Perché io piango tanto, spesso, troppo, ma non per i motivi giusti.
Piango quando leggo le lettere di Charlie o i pensieri di Alaska, piango quando muore Augustus Waters e quando vedo le Torri Gemelle crollare sulla testa di Robert Pattinson. Piango guardando Un bacio e ascoltando Due Anime di Max Pezzali. Mi commuovo sul finale dell'ultimo episodio di The vampire diaries e di One Tree Hill. Mi si bagna il viso quando litigo con qualcuno, quando mi arrabbio, quando qualcosa non va come vorrei, quando mi trovo davanti a una situazione che mi  risulta irrisolvibile, impossibile, quando mi irrito e mi sento sbattere contro un muro.
Dio, piango per così tante cose... che ogni tanto mi chiedo se io non stia esagerando...
Eppure, ci sono situazioni in cui le lacrime non arrivano, situazioni in cui le vorrei, e loro non ci sono.
Io non piango quando qualcuno muore. Io non piango quando mi danno la notizia e non piango ai funerali. Perché? A saperlo... Mi sento triste? Sì. Mi dispiace per chi soffre? Sì. Vorrei che non fosse successo? Sì. Però ancora niente lacrime. Non scende nulla. Non riesco davvero a pensare al significato di quello che sta succedendo, non riesco a farmi prendere dal contesto emotivo, non riesco a farmi coinvolgere. Lo sento, ma resta in superficie, non mi sconquassa dentro, in profondità. Non mi distrugge. E un po' mi sento sbagliata. E un po' anche cattiva, sembro insensibile... e chi mi sta intorno potrebbe pensare che non mi importi, potrei fargli male... Ma mi importa. Solo che non piango. E non so perché.



E voi? Cosa avreste risposto? In quali situazioni le lacrime caratterizzano la vostra vita?


Alex 
 








Vi lascio qualche ulteriore informazione sulla rubrica 642 IDEE PER SCRIVERE:
- ispirata dal librone 642 idee per scrivere, frutto delle menti degli autori del San Francisco's Writer Grotto
- propone spunti variegatissimi per scrivere qualunque cosa
- cadenza casuale
- siete liberissimi di partecipare alla rubrica... e scrivere la vostra versione :)

venerdì 27 ottobre 2017

5 COSE CHE #8

Buongiorno gente incasinata!

L'argomento previsto per il 5 COSE CHE di oggi sarebbe "5 case editrici più presenti nelle nostre librerie", ma, visto che non saprei quali case editrici mettere (cioè, non sarebbero nulla di molto strano o particolare, non compro libri da editori strampalati), ho scelto di recuperare un tema più vecchio, che trovo molto carino :)

5 SERIE TV DELLA MIA ADOLESCENZA

Giacché io sono ancora un'adolescente... una teenager ancora per qualche mese... Vi presento le serie TV che più ho amato negli ultimi anni e quelle che sto seguendo ora.







ONE TREE HILL


Questa è stata la prima serie che io ho seguito in assoluto. La prima e la più memorabile. Fortunatamente, ho iniziato a guardarla quando era già finita: così ho potuto vedere tutti gli episodi in fila senza dover aspettare anni ;)



TEEN WOLF


Consigliata da un amico. Dopo aver visto alcuni spezzoni, l'ho giudicata troppo creepy per i miei gusti, ma poi sia io che Marta ci siamo ricredute. Onestamente, io non ho apprezzato molto le ultime stagioni, mentre Marta ne è ancora follemente innamorata (e ora si dispera perché è finita).



MODERN FAMILY


Me l'ha fatta scoprire il mio ragazzo e per questo lo ringrazio. Ormai per noi è un rituale trascorrere le fredde serate invernali accoccolati sul divano, a ridere davanti a questo programma.



RIVERDALE


La nostra scoperta più recente. Un mix perfetto di suspense, emozione, love story e atmosfere cupe. Per non parlare di Cole Sprouse con i capelli neri... Di meglio non potevamo chiedere.



THE SHANNARA CHRONICLES


Questa è una serie TV che cito in negativo... La seguiamo, sì, però... Bah, ci lascia perplesse. Dopo aver amato Austin Butler nel ruolo di Sebastian (The Carry Diaries), ci aspettavamo molto di più. Stiamo trovando Shannara un po' troppo piatta, banale, scontata e poco curata.



Adesso passo comunque a curiosare tra i post con il tema del giorno.
Fatemi sapere cosa pensate di queste serie Tv... E cercherò di dare un'occhiata anche ai vostri post vecchi :)



Alex

mercoledì 25 ottobre 2017

BOOK TAG: ingredienti libreschi

Buongiorno a tutti!

Per la seconda volta devo ringraziare Sonia, de Il salotto del Gatto Libraio, per avermi fatto scoprire un book tag così... curioso: oggi associamo libri e comuni ingredienti da cucina :)







PREZZEMOLO:
un libro che vedi ovunque


Ovunque, è ovunque. Me lo sono ritrovata persino in gioielleria. E a me questa serie non piace per niente.





CIPOLLA:
un libro che solo a sentirlo nominare ti metteresti a piangere 


Compito scolastico. Solo un commento: una noia mortale. Se non volete spararvi, evitatelo.





CAFFÈ:
un libro che ti ha tenuta sveglia

L'ho letto tutto in un giorno. 731 pagine in, letteralmente, 24 ore: è stata una vera follia... Ma ben ripagata... L'ho adorato!


martedì 24 ottobre 2017

UN'USCITA DA NON PERDERE: Gemina di Kaufman e Kristoff

Avete letto Illuminae?
Io sì e... Wow. Mi ha lasciata senza parole. (Trovate qui la mia recensione).
Quindi, come credo sia ovvio, sto aspettando con impazienza l'uscita del seguito...  E manca davvero poco!



DATA DI PUBBLICAZIONE: 31 OTTOBRE


TITOLO: Gemina. Illuminae file: vol.2
AUTORE: Jay Kristoff e Amie Kaufman
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 672



TRAMA:
Hanna sapeva che traslocare in una stazione spaziale ai confini della galassia sarebbe stato un brutto colpo per la sua vita mondana. Nessuno però le aveva detto che sarebbe potuto costarle la vita. La saga di «Illuminae File», cominciata con le peripezie di Kady ed Ezra, prosegue a bordo della stazione spaziale Heimdall, dove due nuovi protagonisti dovranno affrontare le conseguenze di una seconda offensiva BeiTech. Hanna è la viziatissima figlia del capitano della stazione, Nik il rampollo di una famigerata famiglia di criminali. Alle prese con la vita di bordo nella stazione spaziale più noiosa della galassia, i due non possono certo immaginare che Kady Grant e la Hypatia sono in viaggio verso la Heimdall con la notizia dell'invasione di Kerenza. Quando una squadra d'assalto della BeiTech invade la stazione, Hanna e Nik saranno costretti a collaborare per difendere quella che è ormai diventata la loro casa. A complicare tutto, la presenza di predatori alieni che fanno fuori l'equipaggio un uomo alla volta. Hanna e Nik capiranno presto che in gioco non c'è soltanto la propria sopravvivenza: nelle loro mani hanno il destino di tutti i passeggeri della Hypatia, e forse dell'universo intero. Tranquilli, però. Hanno tutto sotto controllo. Almeno sperano.







 DA GEMINA:

“And now, born from the ashes, she’s a warrior in bloodied black.” 

“Patience and Silence had one beautiful daughter. And her name was Vengeance.”
"Pazienza e Silenzio avevano una bellissima figlia. E il suo nome era Vendetta."

 
“I cannot help but wonder
If the thought of saving all those lives and hopes and dreams
Pales in comparison
To the thought of seeing him again.
I wonder.”
"Non posso evitare di chiedermi
Se il pensiero di salvare tutte quelle vite e speranze e sogni
Impallidisca di fronte
Al pensiero di vederlo un'altra volta.
Chissà."






Io, personalmente, temo solo che questo secondo volume possa non essere all'altezza del primo, temo che possa non essere così innovativo e coinvolgente... Incrocio le dita! Speriamo in bene ;)

Vorreste leggerlo? Pensate che sarà bello quanto Illuminae?


 Alex 








 

Io l'ho già prenotato *-*

lunedì 23 ottobre 2017

PENSIERI RANDOM: Petit poème en prose

Senza come né perché, senza nessun tipo di spiegazione.
Semplicemente, vi lascio qui l'incipit di una poesia che ho scritto. "Poesia" lo metterei tra virgolette... Un petit poème en prose, più che altro.



 FOLLIE D'AMORE

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
 Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro vero amore

Le ragazze innamorate fanno follie.
Io sono innamorata,
E, chissà,
Se sono pazza
O se sono solo impazzita…
So per certo,
Però,
Che hai sconvolto la mia vita.
E chissà,
Forse un manicomio mi guarirà.
Ma non voglio guarire.
Non da te.
Un po’ Jekyll,
Un po’ Hyde,
Lo so,
Quando il male si sveglia
Mi prende la malinconia,
Mi sveglio un mostro
Che non so mandar via.
Mille voci nella testa,
Tutte insieme
Fanno confusione,
E io vorrei che
Tu,
Unicamente tu,
Le ascoltassi.

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell'abbagliante splendore del loro vero amore

Vorrei amarti sempre
E salvarti da tutto e da tutti…
Ma non so salvarti
Da me
E dalle mie emozioni
In cui mi perdo
E mi ritrovo.
Vorrei darti l’universo,
Vorrei per te ogni bene,
Ogni gioia,
Ogni felicità.




 

Buonanotte a tutti, 


Alex


P.S. Sì, ho rubato il refrain a Prévert.


domenica 22 ottobre 2017

RECENSIONE: Illuminae di Kaufman e Kristoff

 

Sorprendente.  

 

Comprato per il bell'aspetto... Ma il contenuto ha confermato il valore della forma. 




TITOLO: Illuminae
AUTORI: Amie Kaufman e Jay Kristoff
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 599


TRAMA:
Quel giorno, quando si è svegliata, Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare. Poche ore dopo il suo pianeta è stato invaso. Anno 2575: il cielo di Kerenza, un pianeta poco più grande di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell'universo, si oscura all'improvviso. Tra le esplosioni e le urla degli abitanti terrorizzati, una squadra d'assalto della... una potente corporation interstellare, dà inizio all'invasione. Ed Ezra e Kady, che si rivolgono a malapena la parola, sono costretti a cercare insieme una via di fuga. Alcuni giorni dopo, però, un mortale... mutante inizia a diffondersi a bordo di una delle navi sulle quali si trovano i due ragazzi e gli altri superstiti. Come se non bastasse, AIDAN, l'intelligenza artificiale che dovrebbe... pare essersi trasformato nel nemico. E nessuno dei militari incaricati delle operazioni di salvataggio sembra intenzionato a spiegare ciò che sta accadendo. Quando Kady riesce ad accedere a... strettamente riservate, le è subito chiaro che l'unica persona che può aiutarla è anche l'unica con la quale pensava non avrebbe più avuto nulla a che fare.


sabato 21 ottobre 2017

DAGLI SCAFFALI DEGLI AUTORI... E non solo!


“I have always imagined that Paradise will be a kind of library.”
― Jorge Luis Borges



Clicca sulla foto per maggiori dettagli sulla rubrica.


Con la rubrica di oggi scopriremo i libri preferiti di tre grandi autori: Anne Rice, Neil Gaiman e Stephanie Perkins. Vediamo insieme quali libri ci consigliano di leggere assolutamente!




 

ANNE RICE (autrice di Cronache dei vampiri) CONSIGLIA:

Sarai per sempre mia amica  di M.O. Walsh

"Exquisite first novel about a boy whose childhood is overshadowed by the violent rape of the little girl he adores. Superb style, scope, depth. I was dazzled by the mind behind this novel" 




Sta calando la sera sul marciapiede di una tranquilla via di Baton Rouge. Nemmeno la brezzanotturna riesce a smorzare il caldo torrido dell’estate in Louisiana. Lindy Simpson pedala sulla sua bicicletta. 
Ha solo quindici anni e, come ogni giorno, sta tornando a casa dopo gli allenamenti. Improvvisamente una figura nascosta nell’ombra la aggredisce. Lindy cade tra le aiuole di azalee e perde i sensi. Al risveglio la sua vita non è più la stessa. La piccola comunità del quartiere è sconvolta. Tra le ordinate villette a schiera e i recinti imbiancati serpeggia l’inquietudine. Quattro sono i sospettati del crimine. Uno di questi è un ragazzino di quattordici anni, da sempre amico di Lindy, da sempre innamorato di lei. La sua casa è a poca distanza da quella della famiglia Simpson e il suo è un amore adolescenziale, ossessivo. La spia, la segue, conosce tutte le sue abitudini e la disegna in splendidi ritratti. E quando Lindy vive quell'incubo sente di doverla proteggere, di dover cercare chi è stato a farle del male. Anche se questo significa scoprire verità scomode, che il quieto vivere teneva nascoste. Sente di doverlo fare perché c'è un'altra colpa che lui solo conosce, e che non gli dà pace. Una colpa legata alla sera dell’aggressione, una colpa legata alla paura e alla vigliaccheria di un amore acerbo…



venerdì 20 ottobre 2017

5 COSE CHE #7

Buongiorno, cari lettori.

Anche questa settimana Alex mi ha lasciato il compito di occuparmi della rubrica 5 COSE CHE. Perché? Semplicemente perché questi argomenti mi piacciono molto, e, finalmente, questa rubrica mi dà la possibilità di condividere con qualcuno le mie (singolari?) passioni letterarie.





5 AUTORI CHE MI INCURIOSISCONO








JEAN-PAUL SARTRE
Di quest'autore vorrei leggere La nausea, un diario filosofico che mi è stato descritto come "trasgressivo e ricchissimo".




giovedì 19 ottobre 2017

NOVITÀ: Heartbeat di Connie Furnari

Buonasera a tutti!

Di ritorno dall'università, sto aspettando il mio ragazzo per uscire a cena... E lui, ovviamente, è in ritardo. Approfitto di questi minuti liberi per segnalarvi l'uscita del nuovo romanzo di Connie Furnari, un'autrice siciliana che, in un modo o nell'altro, riesce sempre a far parlare di sè.



TITOLO: Heartbeat
AUTRICE: Connie Furnari 
EDITORE: self 
FORMATO: Kindle (Amazon)

TRAMA:
Fin da bambina, Jennifer ha sempre avuto un unico riferimento: Joel, il suo migliore amico, il suo angelo custode. Per lui aveva deciso di cambiare i suoi atteggiamenti da maschiaccio, per comportarsi in maniera più femminile, e di migliorare il suo carattere ribelle.
Durante l’ultimo anno di liceo, qualcosa cambia per sempre, perché quando meno se lo aspetta, Joel la bacia, facendole capire che ha sempre ricambiato i suoi sentimenti.
La loro profonda amicizia, tramutata già da tempo in amore, è un vincolo sicuro al quale entrambi si aggrappano, iniziando una relazione.
Quello che sembrava scontato durante l’amicizia, diventa nuovo e più eccitante, quando si scopre di essere innamorati. Gli attimi d’intimità trascorsi assieme sono bollenti, perché a lungo attesi, la passione li trascina in romantici momenti di sensualità ai quali è impossibile sottrarsi.
Le loro strade si dividono però, a causa della gelosia di una nuova compagna di scuola: Darla è spigliata e sexy, molto popolare al liceo, e soprattutto gioca sporco, perché abituata ad avere tutto quello che desidera.
Ma l’amore fra Jen e Joel è troppo inteso e troppo a lungo inespresso per essere dimenticato, così Jennifer decide di combattere, nonostante trovi conforto nei sentimenti di Alec, un suo compagno di classe innamorato di lei, che sembra capirla quanto il suo ragazzo.
Joel è sempre stato suo, Jen non può lasciare che un’altra glielo porti via. E farà tutto quello che può, per riavere il suo angelo custode, trovandosi coinvolta in sconvolgenti intrighi amorosi che non aveva previsto e che la cambieranno per sempre.


mercoledì 18 ottobre 2017

WWW WEDNESDAYS #5

Buongiorno gente incasinata!

Sto preparando un paio di interviste molto succulente... A breve avrete l'occasione di conoscere Chiara Maffeis, una promettente giovane poetessa, e di scoprire qualche curiosità su Anna Premoli, celeberrima autrice di Ti prego lasciati odiare (parleremo del suo ultimo romanzo, Un imprevisto chiamato amore).

Ora concentriamo sulle tre domande con la W e le risposte di questa settimana!





What are you currently reading?

 
Questo libro mi sta lacerando il cuore: è uno strazio, nel senso positivo del termine.
Non credevo che Illuminae sarebbe stato così coinvolgente, così emozionante... La storia mi ha rapita e il connubio tra l'ironia di alcune pagine e la drammaticità degli eventi mi sta letteralmente mandando fuori di testa. Lo adoro! Ma ho quasi paura a continuare... Mi mette ansia... Non voglio che succedano cose brutte... Non a Kady e Ezra. Sono fantastici **



martedì 17 ottobre 2017

REVIEW PARTY: La Ladra di Neve di Danielle Paige

Da oggi in libreria 


Esce oggi, 17 ottobre, questo fantasy ghiacciato.
Da non perdere!




TITOLO: La Ladra di Neve
AUTRICE: Danielle Paige
EDITORE: De Agostini
PAGINE: 437
DATA DI PUBBLICAZIONE: 17 ottobre
LINK ACQUISTO: La ladra di neve

TRAMA:
Snow vive nell’istituto psichiatrico di massima sicurezza di Whittaker da quando è solo una bambina. Ora ha sedici anni e un’unica certezza: lei non è pazza. È prigioniera. Lo sente nel suo cuore, nei suoi sogni, e ne è più che sicura quando guarda negli occhi Bale, il miglior compagno di sventure che le potesse capitare. Nel momento in cui Snow lo bacia, però, accade qualcosa di terribile: Bale cade in stato catatonico e scompare all’interno di uno specchio stregato. Senza di lui Snow non ha più certezze, né motivi per restare. Aiutata da un’amica, fugge dalla sua prigione. Più veloce che può, più lontano che può, oltre i cancelli dell’ospedale. Qui incontra Jagger, un ragazzo misterioso che promette di aiutarla a salvare Bale. Snow accetta di seguirlo e in quell’istante il mondo attorno a lei cambia. Sotto i suoi piedi il terreno si trasforma in ghiaccio, e tutto diventa neve e magia. Jagger l’ha portata ad Algid, un regno incantato sul cui trono siede un tiranno sanguinario. Così, in un mondo condannato a un eterno inverno, Snow si troverà a combattere per l’amore e la giustizia. Diventerà ladra, strega e spia, disposta a tutto pur di trovare una risposta alla domanda che più la spaventa: chi è lei davvero?
Dalla penna della regina del fantasy americano, un romanzo che ha scalato la classifica dei bestseller del «New York Times». Una storia irresistibile che intreccia in modo magistrale magia, amore e sangue.









RECENSIONE:

Prima di tutto ringrazio la casa editrice per l'ebook in anteprima, e proseguo precisando che ho accettato di leggere questo libro senza saperne quasi nulla: avevo letto a malapena la trama... Ma il titolo è stupendo e mi ha catturata subito. Non ho apprezzato molto, invece, la copertina, che considero meglio riuscita nella versione originale.

Ci tengo poi a precisare che non avevo mai letto nulla di Danielle Paige, sebbene io abbia in lista da diversi mesi Dorothy must die.

Ora, dopo tutti questi chiarimenti (forse noiosi, ma necessari), possiamo iniziare il nostro viaggio nel mondo di Algid.


La storia, raccontata dal punto di vista di Snow, la protagonista, inizia proprio dalla scena apice della vita di una qualunque adolescente: l'epico e indimenticabile primo bacio. Peccato che la situazione non sia delle più romantiche... Niente fiori, niente cielo stellato e niente musica di violini: ci troviamo al Whittaker, un manicomio, e il ragazzo che la bacia è un altro paziente, Bale. Un paziente molto particolare: il suo migliore amico, il suo grande amore e un inguaribile piromane.

A volte i primi baci risvegliano le principesse addormentate, annullano incantesimi e introducono il lieto fine. Il mio spezzò Bale.

Snow vive al manicomio da quando, all'età di sei anni, ha provato ad attraversare uno specchio... E da allora la sua vita è un continuo alternarsi di rabbia, pillole, sedativi, incubi e disegni stravaganti.

Finché, un giorno, Bale non viene rapito (in modo alquanto sovrannaturale) e lei decide di seguire uno sconosciuto attraverso un albero magico per andare a salvare il suo vero amore. Così Snow arriva ad Algid e scopre i suoi poteri di Principessa delle Nevi.

Ho amato molto la protagonista, per il suo carattere deciso e combattivo, per le sue battute sarcastiche, per il suo comportamento ironico e per la sua schiettezza. Il suo egoismo, solo a sprazzi sostituito da un altruismo sfrenato, mi ha rapita.




domenica 15 ottobre 2017

RECENSIONE: Playlist di Jen Klein

Carino, ma non entusiasmante. 


Ho finito questo libro più di un mese fa... Ma non avevo ancora avuto tempo di scrivere la recensione. Chiedo perdono per questa lunga attesa e, ora, vi propongo il mio pensiero.





TITOLO: Playlist. L'amore è imprevedibile
AUTRICE: Jen Klein
EDITORE: De Agostini
PAGINE: 374

TRAMA:
Che cosa c'è di meglio del momento in cui ti rendi conto che il liceo sta per finire e la tua vera vita sta per cominciare? Niente, June ne è convinta. Diciassette anni e le idee chiare sul futuro, non vede l'ora di lasciarsi alle spalle la cittadina in cui è cresciuta e tuffarsi a capofitto nella nuova avventura del college. Al contrario di Oliver, l'atleta più popolare della Robin High, che vorrebbe che l'ultimo giorno di scuola non arrivasse mai. June e Oliver non hanno davvero nulla in comune. Potrebbero non rivolgersi mai la parola. Potrebbero far finta di non conoscersi. E invece. Invece il destino ha voluto diversamente. Perché le loro madri sono amiche per la pelle e hanno deciso che Oliver accompagni June a scuola in macchina. Tutti i maledettissimi giorni. A un tratto, June e Oliver sono costretti a passare parecchio tempo insieme. Peccato che non abbiano niente, ma proprio niente di cui parlare. E allora decidono di mettere la musica. Ma cosa succede quando un'anima rock come quella di June ne incontra una pop come quella di Oliver? Una guerra! Una sfida per il controllo della playlist... finché non accade qualcosa di totalmente imprevedibile. Perché a volte basta la canzone giusta al momento giusto e tutto cambia.






RECENSIONE:

Sinceramente, non ho iniziato Playlist con grandi aspettative: credevo che sarebbe stato uno YA molto comune, con un’ottima fama, ma poca sostanza. Invece, dopo averlo letto, mi sono dovuta ricredere (almeno in parte).

Playlist
non è un libro frivolo, prevedibile e scontato: nel suo essere semplice, riesce a diventare carino e accattivante, anche se non emozionante. Narra una tranquilla storia d’amore tra due ragazzi all’ultimo anno di liceo, ma lo fa con una dolcezza così piacevole e leggera, che è impossibile non sorridere.
 
Mi piace la relazione che la scrittrice riesce a instaurare tra June e Oliver: tra loro non è amore a prima vista, ma imparano a conoscersi e ad apprezzarsi pagina dopo pagina. Inoltre, a differenza di molti YA June e Oliver sono legati da un sentimento tenero e delicato, non da un’urgenza passionale, focosa e quasi insana. 
Leggere Playlist è una bella esperienza,  perché sembra quasi di entrare in un mondo fiabesco, in cui Oliver è il principe azzurro che con la sua “carrozza” offre un passaggio alla sua dama. Insomma, questo libro è un ritorno alle fiabe, solo spostato ai tempi moderni: nulla di pretenzioso, ma assolutamente gradevole.


 


venerdì 13 ottobre 2017

5 COSE CHE #6bis


Oggi è venerdì e, quindi, è giorno di 5 COSE CHE.
Alex vi ha già presentato il post a tema "5 COSE CHE MI TERRORIZZANO" (appropriato per questo venerdì 13), però io ora voglio tornare all'argomento che era stato inizialmente pensato per oggi.  
Chi sono io?
Buonasera a tutti, io sono Emme.
Dovrei presentarmi? Suppongo di sì... Ma non credo che lo farò...
Vi basti sapere che mi piace leggere, amo l'horror in ogni sua incarnazione e che talvolta mi troverete qui a pubblicare qualche post.
E ricordatevi: io amo l'anonimato.
Ora, procediamo.

 




Il tema del 5 COSE CHE di oggi è:

 5 LIBRI DI CUI RIMANDO LA LETTURA DA MOLTO TEMPO

e io sono un esperto in materia. Ho una lista infinita di libri da comprare e appena trovo un libro che mi interessa lo acquisto. Eppure la mia lista continua a crescere senza sosta: i libri si accumulano sul mio scaffale... A breve mi ritroverò sommerso!
Amo leggere con calma, in modo da poter prestare assoluta attenzione a ogni parola, ogni frase, così da poterne cogliere le diverse sfumature.
Nonostante io abbia una gran moltitudine di libri che mi attendono, vi presento i più significativi.






IL VIAGGIO IN OCCIDENTE di (probabilmente) Wú Chéng'ēn

Romanzo simbolo della letteratura classica cinese del XVI secolo.
L'ho comprato l'anno scorso rapito dal valore di quest'opera, ma ancora non mi sento pronto a iniziare questo complesso e arduo viaggio di lettura.





 


IL PARADISO PERDUTO di John Milton

Una delle opere che mi affascina di più, e che potrei considerare un capolavoro... Però temo proprio che al momento non ci capirei molto. La strada per potermi sentire degno e capace di apprezzare un poema di questo tipo è ancora molto lunga.




 



ANTOLOGIA di Edgar Allan Poe

Non ho ancora finito quella di Lovecraft...











L'ASSASSINIO DI ROGER ACKROYD di Agatha Christie 

Mi era stato detto che contenesse uno dei finali più stupefacenti della storia dei gialli... Purtroppo, però, Alex mi ha (più o meno involontariamente) spoilerato la soluzione del caso. Non so se lo leggerò mai: io odio sapere in anticipo cosa succederà.







ALL'OMBRA DELLE FANCIULLE IN FIORE di Marcel Proust 

Per questa lettura mai iniziata, ringrazio il mio prof di italiano, che mi ha descritto questo volume come (cito testualmente) "una mattonata là dove non batte il sole".
Spero di poterlo contraddire un giorno.






 

Spero che abbiate trovato interessanti queste letture rimandate...
Fatemi sapere cosa ne pensate!


Emme








5 COSE CHE #6

Buongiorno gente incasinata!
Oggi è venerdì e, quindi, è giorno di 5 COSE CHE.
Questa settimana, però, c'è una sorpresa: è venerdì 13 e per questa ragione il post è a tema... PAURE.


 


Questo venerdì 13, finora, mi sta portando molto male: paura e sfortuna si stanno intrecciando nella mia giornata dall'esatto momento in cui mi sono alzata dal letto stamattina. Tra poco capirete perché.
Ecco qui:


5 COSE CHE CI TERRORIZZANO



CIMICI 

Mi schifa da morire anche solo la foto...

Maledizione a chi le ha inventate! So che molte persone, soprattutto ragazze, provano ribrezzo nei confronti di questi esserini infernali... Ma io ho proprio una fobia assurda per loro! Mi fanno schifo e le rifuggo come la peste, mi fanno tremare e gridare come un'ossessa. E ora vi spiego perché la mia mattinata è stata così orribile: i miei genitori sono partiti per una breve vacanza, perciò siamo a casa solo io e mia sorella e proprio oggi le cimici hanno deciso di invadere la mia vita. Nonostante io non abbia aperto nemmeno una finestra, mi sono ritrovata cinque cimici che svolazzavano allegramente per le stanze. Da dove sono comparse?!
L'aspetto positivo di tutta la faccenda? Mi sono dovuta fare coraggio... E le ho spiaccicate tutte (meno una, che si è nascosta chissà dove). Non vi descrivo la scena, perché sicuramente sembravo una pazza terrorizzata mentre correvo in giro con una scarpa in mano...





FILM HORROR


Beh, sono fatti per far paura... Ma io li detesto. Non amo provare emozioni negative, non amo l'ansia, non amo saltare sulla sedia in preda al panico. Non li guarderei mai, cerco di evitarli il più possibile, però, purtroppo, a volte capita che, in compagnia, io sia obbligata a subirmi questa tortura. Tortura alla quale poi seguono incubi per intere settimane.





INCUBI 


Un po' assurdo, non trovate? Gli incubi mi mostrano scene inquietanti e paure nascoste... E io ho paura di queste paure. E delle loro conseguenze. Mi capita spesso di parlare di notte e di gridare frasi incomprensibili o richieste d'aiuto. L'ombra dei mostri che sogno di notte mi segue poi per il resto della giornata, rendendomi nervosa, scontrosa, irascibile e una pessima compagnia.




 DELUSIONE E SOLITUDINE 


Al cattivo umore provocato dall'ultima paura, si lega il timore di deludere gli altri. Questo, più che causa di una vera fobia, è ragione di uno stato d'ansia, che sfocia a sua volta in profonda malinconia.
In generale, detesto non dimostrarmi all'altezza delle aspettative altrui e, in particolare, odio non essere dell'umore giusto per rendere felici gli altri. Odio non essere abbastanza allegra per far sorridere chi mi sta intorno, odio essere arrabbiata, odio non saper risolvere i problemi degli altri, e, soprattutto, odio odiare tutto questo. Credo che questa paranoia sul non "dimostrarsi abbastanza" sia collegata alla costante paura di essere abbandonata e lasciata sola dalle persone a cui voglio bene...





Per quanto riguarda Marta, lei vi racconta solo il suo più grande terrore:



GIRASOLI


Abominevoli fiori malefici. Quando io mi muovo, loro mi seguono, si girano e mi inseguono in qualunque direzione io mi sposti. Ho sempre l'impressione che vogliano divorarmi, con quelle loro enormi fauci marroni... Lo so, forse mi sono fatta suggestionare un po' (tanto), ma da quando sono piccola piccola non riesco a non immaginarmeli animati e affamati (di me).
 





E voi, di cosa avete paura? Cosa vi terrorizza? Credete nella sfortuna di venerdì 13? Io non ci credevo, però dopo l'attacco cimicioso di oggi... Non so più cosa pensare...




Alex

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...