sabato 24 febbraio 2018

BLOGTOUR FANDOM: Il coraggio delle donne nella letteratura

Buongiorno a tutti!
Oggi il blog ospita la quarta tappa di un blogtour dedicato a Fandom, il romanzo di Anna Day uscito lo scorso 6 febbraio. Vi lascio tutte le informazioni sul romanzo, poi passo subito all'argomento di questa giornata ;)



TITOLO: Fandom
AUTRICE: Anna Day
EDITORE: De Agostini
PAGINE: 506

TRAMA:
Un romanzo sulla forza di essere se stessi. Sul coraggio di scegliere ciò in cui crediamo e ciò che amiamo, e affrontarne le conseguenze.

Finalmente il gran giorno è arrivato, Violet è pronta. Pronta per incontrare gli attori che hanno portato sul grande schermo il suo romanzo preferito, La Danza delle forche. Violet lo sa recitare a memoria, ne conosce ogni battuta. Se potesse esprimere un desiderio, chiederebbe di poterci vivere dentro ed essere Rose, la protagonista perfetta. Dovendo fare i conti con la realtà, Violet si accontenta di presentarsi all’evento come cosplayer di Rose e mettersi in fila per l’autografo dei suoi idoli. Soprattutto per quello dell’attore che interpreta Willow, l’eroe più bello di sempre – darebbe ogni cosa per far colpo su di lui. Proprio nel momento in cui il ragazzo si complimenta con lei per il suo costume accade qualcosa di inaspettato. Un terremoto. Urla. Il buio. Violet riapre gli occhi e qualcosa è cambiato. Le guardie corrono ovunque impazzite. Ma è solo quando un proiettile colpisce Rose e la ragazza cade a terra esanime che Violet capisce. Capisce che adesso non è più solo a un evento in costume per appassionati di fantasy. Adesso quella è la realtà. Adesso lei è dentro la storia e la protagonista del suo romanzo preferito è appena morta. Violet ora può fare solo una cosa: prendere il suo posto, ripassare le battute e vivere la storia fino alla fine… E sperare che tutto vada come è stato scritto.




Banner realizzati da Irene Marino, del blog Non solo libri.




Il coraggio delle donne nella letteratura


Achille, Artù, Robin Hood, James Bond, Aragorn, Harry Potter, Jace Herondale.
Cosa collega tra loro questi nomi? Il coraggio.
Tutti i personaggi elencati sono gli eroi delle loro avventure, sono uomini impavidi, pronti a tutto per "sconfiggere il male". Nessuno può negarlo: sono uomini coraggiosi, anche se ognuno a suo modo... e la letteratura di ogni epoca non si è risparmiata nel celebrare le loro gesta e nel creare sempre nuovi eroi.
Avete mai pensato, però, al coraggio in senso femminile? Il coraggio è maschio, almeno grammaticalmente parlando, ma tra realtà e finzione, non diventa anche donna?

Nel corso di questo post cercheremo di individuare "il lato rosa" di questa virtù e di render giustizia a personaggi e donne in carne e ossa che, purtroppo, per molto sono state esempi di coraggio "silenzioso" e poco acclamato.

Partiamo da qualcosa di molto semplice: la definizione di coraggio. Facile, no? Sappiamo tutti cosa vuol dire... almeno approssimativamente ;)
"Forza d'animo connaturata, o confortata dall'altrui esempio, che permette di affrontare, dominare, subire situazioni scabrose, difficili, avvilenti, e anche la morte, senza rinunciare alla dimostrazione dei più nobili attributi della natura umana."
Questa è la definizione di coraggio fornita dal dizionario... leggendola diventa chiaro come questa parole contenga sfumature e accezioni molto più ampie rispetto a ciò che siamo soliti collegarci.



IL CORAGGIO HA TANTE SFUMATURE

Ultimamente ho letto un libro di Alessandro D'Avenia che mi ha colpita molto: sto parlando di Ogni storia è una storia d'amore, nel quale l'autore racconta come spesso le donne riescano ad amare così tanto da essere disposte a sacrificarsi per un altro individuo. Per un uomo, per la famiglia, per la felicità delle persone che stanno loro intorno. Ogni storia è una storia d'amore? Su questo non sono totalmente d'accordo, ma forse molte storie sono storie di coraggio.
Perché coraggioso non è solo chi sa sfidare il mondo, ma è anche chi è disposto a un silenzioso sacrificio per salvare gli altri.

Noi tutti ricordiamo i già citati eroi della guerra di Troia, però chi conosce Ifigenia?
Per farla molto semplice: Poseidone è adirato con Agamennone e non vuole lasciar partire le navi greche per Troia, in cambio del suo perdono chiede al sovrano il sacrificio di sua figlia Ifigenia. La quale, scoperta la verità, offre la sua morte per aiutare il padre.
Non richiede questo gesto una qualche forma di coraggio? Di un coraggio che è rinuncia di sé per gli altri?

Conoscerete forse Antigone, il cui senso di giustizia e profondo affetto la portano a una morte "volontaria". La ragazza, come racconta l'omonima tragedia di Sofocle, decide di sfidare l'ordine del re di Tebe di non seppellire il fratello, andando in contro alla punizione e alla morte. Antigone vuole fare la cosa giusta... non è forse coraggiosa?

Un'altra qualità che, secondo me, richiede un gran coraggio, oltre allo spirito di sacrificio, è la fede in qualcuno o qualcosa: coraggiosa è Penelope che aspetta Ulisse con sconfinata fiducia, certa del suo ritorno; coraggiosa è Lucia che, nonostante la paura, non teme di essere sincera e non perde la fede.

Il coraggio ha tante sfaccettature, spesso anche in contrasto tra loro. Abbiamo finora visto personaggi tranquilli, pacati, che nascondono la loro forza sotto esili spoglie. Passiamo ora a donne esuberanti, intelligenti, spontanee e non disposte a lasciarsi mettere i piedi in testa. Coraggiosa è Elizabeth Bennet, protagonista di Orgoglio e Pregiudizio, che, insieme a molti altri personaggi femminili della Austen, non si fa controllare e influenzare da nessuno, è se stessa a tutti i costi, in un mondo che la vorrebbe uguali agli altri.
Una particolare forma di coraggio "testardo" è ben rappresentato, secondo me, da alcuni personaggi di Bianca Pitzorno, come Prisca (da Ascolta il mio cuore) e Diana (da Diana, Cupido e il Commendadore): pur essendo solo ragazzine, vogliono essere libere e vogliono seguire i loro (giusti) valori, non permettendo ai "grandi" di decidere per loro, di comandarle a bacchetta.
Nel caso non aveste ancora letto questi due romanzi, ve li consiglio caldamente: dietro gli scherzi e gli stratagemmi che le piccole protagoniste mettono in atto per mantenere "la propria integrità" si nascondono ottimi spunti di riflessione.

Il coraggio, poi, è anche lotta non violenta. Combattere non implica necessariamente impugnare una spada o scagliare frecce... la guerra spesso è continua, invisibile, sconosciuta. E qui, come in molti altri punti, storia e letteratura si intrecciano.
Coraggiosa è Malala, ragazzina pakistana, nonché vincitrice di un premio Nobel per la Pace, che ha rischiato la morte pur di non abbandonare la sua istruzione, pur di andare a scuola... insomma, pur di essere chi voleva e non lasciarsi trasformare in chi non era.
Coraggiose sono tutte quelle donne che
, insieme agli uomini di cui più spesso di parla, sono morte per proteggere il proprio Paese e i propri diritti. Dal mondo letterario e cinematografico, vi cito Le 13 rose, la storia della lotta e della condanna di un gruppo di donne antifranchiste.

Per fortuna, il coraggio femminile sta diventando sempre più discusso, evidente, raccontato e sta ispirando opere in cui le ragazze valgono tanto quanto le controparti maschili nelle lotte contro "il male" in tutte le sue forme. Celeberrime sono infatti Katniss Everdeen e tutte le sue compagne. Eroine dal cuore grande, guerriere eccezionali, impavide e idealiste.


E meno male che ci sono loro a ricordarci che anche noi donne siamo/possiamo essere eroine... vi invito, tuttavia, a ricordarvi che il coraggio non sempre è così manifesto e appariscente, ma che noi donne possiamo dimostrare il nostro valore in molti modi, tutti validi e tutti giusti.


"Uno non deve necessariamente nascere coraggioso, ma si nasce con un potenziale. Senza coraggio non possiamo praticare con coerenza nessun altra virtù. Non possiamo essere gentili, sinceri, pietosi, generosi od onesti."
- Maya Angelou



FINE



Cosa c'entra questa dissertazione infinita con Fandom? Beh, poco ma sicuro Anna Day è riuscita a mettere in campo molte eroine... in tutte le salse. Dalla protagonista Violet, inesperta e improvvisata, ma determinata e un po' azzardata, passando per Katie, intelligente, sagace e dal sangue freddo, arrivando ad Alice, l'eroina più inaspettata di tutta la storia. Queste e molte altre figure coraggiose vi aspettando in Fandom... non perdetevele!


Alex



Qui potete trovare le altre tappe del blogtour, passate a dare un'occhiata a tutte <3
Ne approfitto anche per ringraziare la CE per la copia del libro che mi hanno fornito.





2 commenti:

  1. Wow che bellissimo post! Questo libro lo devo iniziare il prima possibile ;)

    RispondiElimina
  2. Bellissima riflessione, complimenti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...