giovedì 31 maggio 2018

COVER REVEAL: L'isola di Corentin di Cristiano Pedrini

Buongiorno a tutti!
Oggi ho il piacere di ospitare il cover reveal del nuovo romanzo di Cristiano Pedrini, di cui ho letto e recensito Sulle rive dei nostri pensieri (QUI la recensione).


 

"L’arte è un potente eccitante capace
di offuscare tutto quello che crediamo
importante, a patto di poterci immergere
totalmente in essa, e da essa trarre la linfa
che sostiene la nostra ricerca della perfezione."



TITOLO: L'isola di Corentin
AUTORE: Cristiano Pedrini
EDITORE: self

TRAMA:
Corentin ha la sua isola, quel luogo sicuro nel quale si protegge dal mondo, dove non lascia entrare nessuno. Scrive romanzi e sogna un grande domani, che tarda ad arrivare, visto il suo straziante passato e il suo faticoso presente . Le sue giornate trascorrono tra il Monet Verde, la libreria galleggiante sulla Senna, lasciata  in eredità dal nonno e il suo girovagare per le vie di Parigi.
Corentin, seppur abbia la forza di superare e osare, è chiuso nel suo mondo, nella sua isola fino  all’incontro con Flavie, un noto pittore che lo aiuterà a uscire allo scoperto e a osare rimettendo in discussione ciò che vuole mostrare di sé agli altri.
La vita, l’amore, l’arte, la cornice romantica Parigina, i sogni e le speranze…
Tutto sarà trascinato dalla ruota di un destino che porterà i due a riscoprire se stessi, mostrando la bellezza delicata di quei giorni che sembrano scaturire dalle pagine di una fiaba tinta dai colori della speranza.




ESTRATTO:

Accanto al cavalletto c’era un mobile, basso e alquanto malmesso sul cui ripiano erano riposti, in modo disordinato, ogni sorta di pennelli, tubetti di tempera e straccetti imbrattati di arcobaleni di colori.
Corentin si chinò sul mobiletto scrutandolo con attenzione prima di decidersi a spostare un lembo di stoffa. Lo sollevò notando la tavolozza nascosta sotto di esso.
La toccò timidamente con la punta del dito, ritraendolo subito come se corresse il rischio di essere azzannato, ma i suoi timori scomparvero non appena la prese tra le mani osservandola con attenzione.
I suoi occhi scivolarono sulla moltitudine di pennelli fino a che si decise a prenderne uno, molto sottile, con l’impugnatura di legno nero.
Si voltò verso il cavalletto vuoto e iniziò a muovere la mano, come se stesse dipingendo.
Posò infinite volte la punta del pennello per poi proseguire in quel gioco immaginario fino a che una voce, a lui del tutto sconosciuta lo paralizzò.
                «Le persone curiose spesso sono le più prevedibili.»
                Corentin sbatté contro il tavolinetto facendo cadere a terra tutto quello che vi era riposto sentendosi mancare ma non ebbe il tempo di maledire la sua cattiva stella, si inginocchiò rapidamente, sbattendo le ginocchia contro il pavimento, raccogliendo pennelli e tubetti sotto lo sguardo impassibile dell’uomo che cinse le braccia al petto scuotendo il capo.
Il suo sguardo insofferente racchiuso in quel volto tondo, scavato da profonde occhiaie che si notavano dietro quelle piccole lenti rettangolari, mise il ragazzo in apprensione mentre tratteneva con scarsi risultati una smorfia di sofferenza per le ginocchia doloranti.
                «Di solito non permetto a nessuno di toccare i miei strumenti di lavoro.»
                «Però dovrebbe preoccuparsi di ripulirli» si lasciò scappare Corentin osservandosi le mani sporche di pittura.
                «Sul terzo ripiano c’è del diluente. Pulisciti con quello» gli rispose Flavie avvicinandosi ad una scrivania che occupava un angolo della stanza.
Corentin lo vide spostare una pila di buste gettandole in una cassa di cartone accanto al mobile.
                «Come ti chiami?»
                «Corentin» rispose lui terminando di ripulirsi il palmo delle mani con uno straccio.
                «Età?» chiese di nuovo senza neppure guardarlo, intento a rimettere in ordine quello che era disseminato sul piano della scrivania.
                «Diciannove» rispose, cercando di mascherare la smorfia dopo aver annusato le mani che ora puzzavano come non mai.
 


Che ne pensate? Vi ispira?
Vi piace la copertina?

Alex






CONTATTI AUTORE: 
 

3 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...